sorella: chi è?".

Di Maio ci pensa un po' poi, imbarazzato, dice:

"Posso pensarci meglio e rispondere poi correttamente?"

Conte acconsente e Di Maio se ne va.

Appena uscito da Palazzo Chigi, Di Maio prova a chiedere a Zingaretti, poi organizza subito una riunione con altri colleghi di partito i quali si lambiccano

il cervello per diverse ore. Nessuno riesce a trovare la risposta.

A un certo punto Di Maio decide di chiamare Zaia e gli spiega Ia situazione.

"Adesso ascolta la domanda: tua madre ha un bambino e tuo padre ha un bambino ma questo bambino non è né tuo tatello né tua sorella: chi è?

Zaia risponde subito:

"Ostrega son mi!"

Estremamente sollevato, Di Maio corre a Palazzo Chigi e dice a Conte:

"Presidente, so la risposta alla sua domanda! So chi è il bambino! E Zaial

E Conte risponde, disgustato:

"Cretino, è Schauble!"

 

Quale alternativa per il dopo-coronavirus? Ma la Cina!!!

 

Così la pensa il grillino Di Battista che ringrazia anche Di Maio per il rapporto privilegiato che ha saputo intrecciare con i dittatore comunista cinese Xi jinping.

Questa  è  anche la convinzione profonda di Davide Casaleggio, che in questi anni ha consolidato relazioni con il  mondo cinese in Italia, a partire dall’amministratore delegato di Huawei, Thomas Miao, ospite degli eventi della Casaleggio associati. «La Cina –scrive Di Battista – vincerà la terza guerra mondiale senza sparare un colpo e l’Italia può mettere sul piatto delle contrattazioni europee tale relazione».

Germania, Stati Uniti, Francia chiedono alla Cina spiegazioni , la rimproverano di aver ritardato le informazioni , noi no, noi incensiamo la Cina e la ringraziamo per gli aiuti che ci ha inviato, aiuti non gratuiti così come i medici da Cuba: li paghiamo ma l’85% del loro stipendio va allo stato comunista! Anche il Financial Times è intervenuto contro la Cina, che tenta di comprarsi con le mascherine il mondo.

Del resto non c’è da meravigliarsi, dopo l’appoggio che i grillini  hanno dato a Maduro, il dittatore del Venezuela, largamente finanziato  da Putin e Xi .

 

 

Vogliamo ricordare oggi 25 aprile Aldo Gastaldi partigiano genovese, detto Bisagno, cattolico, non comunista e per questo...quasi dimenticato:ringraziamo  Pansa che negli ultimi anni della sua vita ha scritto un bellissimo libro su di lui, naturalmente contestato dai partigiani"veri" .La scheda del libro"Uccidete il comandante bianco" è in "abbiamo letto".

M.Elena

 

Coronavirus   aprile 2020

Tagli alla sanità di cui si rimprovera in particolare la Regione Lombardia?

Ecco i dati ripresi  e confrontati da diversi quotidiani negli 8 anni di governo PD e company:

-Governo Monti       -2,6%

-Governo Letta        -13%

-Governo Renzi       -10%

-Governo Gentiloni  -4%

Zingaretti (Nicola mani di forbice) nel Lazio   ha chiuso 16 ospedali e diminuito il personale del 14%  !!!                                               

In otto anni è stata dimimuita di 36 miliardi la spesa sanitaria  in Italia.

 

Si consiglia comunque di leggere “Coronavirus, le 7 lezioni che abbiamo imparato” sul sito di Nicola Porro.

 

 

CORONAVIRUS

Le bugie della dittatura comunista cinese sono un buco nero per la sicurezza e la salute mondiali, come pure quelle della repubblica degli ayatollah iraniani.

Ma che dire della UE che riceve , nonostante la chiusura del Parlamento Europeo , in pompa magna Greta Tunberg? Ursula e David(Sassoli) anche se la sicurezza, l’ economia e la salute mondiale sono in grave pericolo e paralizzano paesi interi, mettono in primo piano, assecondando la ragazzina svedese, il clima!

Ma che dire ancora dell’intellighenzia di sinistra che pochi giorni fa invitava ad abbracciare un cinese, che tacciava di fascioleghismo i governatori di Lombardia e Veneto, che si presentava in pubblico non con la mascherina sul viso ma con un libro?

Per fortuna che il presidente Mattarella, dopo la visita ad una scuola in cui c’erano molti cinesini alcuni giorni fa, ha fatto retromarcia invitandoci all’unità e al buon senso. Finalmente!

 

 

Spazzacorrotti    o   spazzadiritti?

 

La Corte Costituzionale e il Presidente della Cassazione hanno demolito la legge di Bonafede, tanto osannata da Travaglio, non solo ma  è stato approvato l’uso del trojan che ci spierà anche...a letto: installato sui nostri telefonini e computer controllerà ogni nostra  conversazione, senza che noi ce ne accorgiamo.

Siamo a quanto descrisse George Orwell nel suo famoso romanzo “1984!”

Queste notizie gravi sono passate quasi inosservate  da stampa e tv.:  c’è

                                               il coronavirus!

E delle migliaia di persone in fuga da Idlib in Siria tra cui moltissimi bambini, causa guerra tra Siria e Turchia, nessuna o poche informazioni:

                                      noi parliamo solo di virus.

 

Togliatti e le foibe- dal sito di Nicola Porro  di 11/2/2020

Al massacro delle foibe seguì l’esodo giuliano dalmata, ovvero l’emigrazione forzata della maggioranza dei cittadini di etnia e di lingua italiana dall’Istria e dalla Dalmazia. Fuggivano per non morire, fuggivano per non essere infoibati, per non essere perseguitati e torturati. Si stima che i giuliani, i fiumani e i dalmati italiani che emigrarono dalle loro terre di origine ammontino a un numero compreso tra le 250.000 e le 350.000 persone.

Fuggivano disperati e speranzosi  verso la madre patria che invece, per anni, non li riconobbe, non li soccorse e li tenne in centri profughi quasi come vergogne da nascondere! Ma d’altra parte come si dovevano considerare uomini sconsiderati che scappano via dalla “libertà titina” e dal futuro radioso del socialismo? Ma è ovvio: non potevano essere che rigurgiti del fascismo, dei fascisti e dei mascalzoni in fuga!

Leggiamo cosa disse Palmiro Togliatti (le cui posizioni sulla questione giuliano-dalmata sono certamente assai controverse), su quei poveri profughi italiani: “Non riusciremo mai a considerare aventi diritto ad asilo coloro che si sono riversati nelle nostre grandi città, non sotto la spinta del nemico incalzante, ma impauriti dall’alito di libertà che precedeva o coincideva con l’avanzata degli eserciti liberatori. I gerarchi, i briganti neri, i profittatori che hanno trovato rifugio nelle città e vi sperperano le ricchezze rapinate e forniscono reclute alla delinquenza comune, non meritano davvero la nostra solidarietà né hanno diritto a rubarci pane e spazio che sono già così scarsi.”

(Da Profughi di Piero Montagnani su L’Unità – Organo del Partito Comunista Italiano – Edizione dell’Italia Settentrionale, Anno XXIII, N. 284, Sabato 30 novembre 1946)

Sì,avete letto bene. Sono quelli che ora fanno la morale sull’accoglienza! Da non credere. Farebbe quasi ridere se non ci fosse da piangere e da commuoversi per quei poveri fratelli nostri, offesi e vilipesi da una ideologia non meno folle del fascismo.

Massimo Fochi, professore Storia e Filosofia

 

A 20 anni dalla morte  vogliamo ricordare Bettino Craxi, il socialista che sfidò Botteghe

Oscure, figura certamente controversa ma lontana dalla ingenerosa caricatura che ne è stata fatta.

Negli anni 50 fece un viaggio a Praga dove si rese conto sulla reale natura del comunismo:il  suo più grande merito, a nostro giudizio, fu proprio quello di staccare il partito socialista da quello comunista , di fondare finalmente un partito socialista democratico , europeo, non marxista.

Craxi, pur tra le sue contraddizioni, capì molti anni prima che cadesse, cosa c’era al di là del muro di Berlino.

Ma altri  furono gli interventi positivi:

-il tentativo, non riuscito, di salvare Aldo  Moro

-il duello vinto con Berlinguer sulla scala mobile

-la revisione del concordato con la Santa Sede

-le relazioni internazionali.

Ad affondarlo furono le inchieste di Mani Pulite sui soldi raccolti , anche in violazione  delle leggi, per finanziare il partito, soldi per fare politica non per arricchirsi.

Un leader con grandi intuizioni che non è stato sufficientemente compreso:oggi in Italia, a differenza delle  democrazie europee, non esiste più un partito socialista, ma un PD erede in tutto del comunismo che invano cambierà ancora una volta nome.

 

Cari amici,

Oggi non vi scrivo per parlarvi di politica, ma per augurarvi un Felice Natale.

Auguri a chi è lontano dalla propria famiglia, a chi lavora anche in questi giorni di festa, a chi si prende cura degli altri, a chi non smette di credere nel futuro. Buon Natale a tutti!

Con affetto,  Mariastella Gelmini

 

 

Care amiche, cari amici

con l’avvicinarsi delle festività natalizie credo sia giusto far giungere ai nostri iscritti, simpatizzanti e a tutti i cittadini di Cogoleto i migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

Proprio in questi  giorni è stato nominato il nuovo Coordinatore Regionale di Forza Italia, il giovane e brillante sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco, figlio dell’onorevole Roberto Bagnasco, con il quale sono sicuro che riusciremo a lavorare con profitto per il rilancio del nostro partito.

Due sono gli appuntamenti che ci attendono nel prossimo anno, appuntamenti molto importanti:

 le elezioni regionali e quelle comunali di Cogoleto dopo il commissariamento  della precedente amministrazione.

In queste occasioni  cercheremo di essere protagonisti  con i nostri valori che sono quelli della liberal-democrazia, dello stato di diritto, del rispetto verso gli altri e verso le loro idee, senza mai rispondere o reagire con  chi fa dell’insulto e della provocazione la principale, se non l’unica arma politica.

Ancora un grande abbraccio e i migliori auguri a tutti i nostri amici.

Gianni Siri

 

PACE    AI    DEFUNTI

Nella manovra  finanziaria  in discussione sono stati stanziati , grazie ad un emendamento di alcuni kompagni, 400.000 euro (!!!) per l'organizzazione e "lo svolgimento di iniziative"  per il centesimo anniversario del Pci, fondato a Livorno il 21 gennaio del 1921.

Duro e molto appropriato mi sembra il commento del leghista Calderoli: "Questi vivono non nel secolo scorso ma addirittura nel millennio scorso! Mentre i commissari europei intonano ‘Bella Ciao’, ecco che i nostri senatori Dem, dopo aver massacrato i cittadini con un diluvio di nuove tasse e gabelle, decidono di finanziare, non con i loro soldi ma con quelli dei cittadini italiani, le celebrazioni del centenario del Partito Comunista Italiano con un emendamento ad hoc alla manovra per destinare ben 400mila euro!Ma nessuno, cari ‘kompagni’, vi ha informato che il muro di Berlino è caduto? Ragazzi sveglia, il comunismo è finito da un pezzo ed è finito perché lo ha cancellato la storia, e non tornerà mai più! Intanto gli italiani, quei poveri fessi degli italiani, pagano 400mila euro per festeggiare il defunto Pci...".

Voglio ricordare che nel 2021  ricorre l’anniversario della morte di Dante Alighieri:  700 anni fa il grande poeta italiano moriva a Ravenna di ritorno da Venezia dove era stato inviato come ambasciatore  da  Guido da Polenta signore della città.

Ricordo anche che il Comune di Cogoleto-  sindaco il prof.Antonio Giusti- partecipò con lo stanziamento di 100 lire alla fusione della campana sopra la tomba di  Dante a Ravenna in occasione del seicentesimo anniversario cioè nel 1921.

                   

IL PCI, per fortuna, non esiste più, la Divina Commedia sì

 

                          Comunque   BUON  NATALE   a tutti

 

M.Elena Dagnino

 

Dal  SECOLO XIX  di oggi  sabato 7 dicembre 2019

 

“Genova - I giudici della Corte dei Conti della Liguria hanno condannato a risarcimenti nove ex consiglieri regionali appartenenti al Partito democratico per cosiddette "spese pazze". Dovranno risarcire 9 mila euro a testa per le spese effettuate dal Pd nel 2008, non ritenute attinenti all'attività istituzionale nel gruppo: Michele Boffa, Ubaldo Benvenuti, Antonino Miceli, Vito Vattuone, Ezio Chiesa, Luigi Cola, Minella Mosca e Moreno Veschi. Lorenzo Basso, invece, dovrà risarcire 4 mila euro.

 

Pesci  pesci    pesci

Dopo le sardine in Emilia-Romagna, compare in Calabria il tonno: Callipo ,candidato PD, è il re del tonno. Ma il PD vuole cambiare mestiere e fare il pescatore?

Il proverbio dice che “chi dorme non piglia pesci”:forse a Zingaretti conviene dormire, di pesci ne ha già presi troppi!

Il “ pensiero” di Augias

 

Essere di destra è facile perché vuol dire andare incontro a quelle che sono le spinte istintive  che tutti o quasi, hanno e che invece vengono moderate dal ragionamento, dall’altruismo, dalla conoscenza da parte della sinistra”, parole pronunciate in una diretta televisiva della Rai.

Insomma  quelli di sinistra  agiscono su un terreno fatto di conoscenza  e ragionamento, quelli di destra non ragionano, sono volgari, usano il cazzotto..Loro ragionano, conoscono, sanno, noi siamo ..delle bestie: non è razzismo questo nei confronti di quelli che non la pensano come lui?

Consigliamo ad Augias di leggere il libro di Ricolfi- che è sul sito “abbiamo letto”-intitolato”Perché siamo  antipatici”. Gli può essere utile….se sa ragionare!

 

Contrordine compagni.

Il contrordine per Di Maio arriva da Travaglio, il portavoce dei 5 stelle: la democrazia diretta va bene solo quando …..coincide con i vertici!

 

Ma le sardine sono  pesce azzurro o rosso?

Le sardine sono uscite dalle scatole : ma chi le ha fatte uscire? Certamente stagionati stoccafissi, “rossi” per il livore antisalviniano.

Segnalate link non funzionanti : webmaster@pdlcogoleto.it                                                                                                                                                                                                    webmaster duebi

www.cogoleto.info

       sito ufficiale del Popolo della Libertà di Cogoleto coordinatori comunali dott.Maurizio Scaiola e dott. Giovanni Siri, è stato presentato ai cittadini il "Progetto Ponente" alla presenza del candidato alla Presidenza della Regione Liguria on.Sandro Biasotti

Casella di testo: FORZA ITALIA COGOLETO

Coordinatore comunale  dott. Giovanni Siri

Vicecoordinatore             rag. Edmondo Alessandri    

SITO UFFICIALE